TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

IL DIARIO DELLE ESCURSIONI

VAI A 

Collegamenti veloci al Diario delle Escursioni


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questa recensione

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:


CODICESETTORE
225B3
REGIONE
VALLE D'AOSTA
SCHEDA TECNICA DEL DIARIO:
MONT GELÈ
(DA RUZ PER IL RIFUGIO CRETE SECHE)



LUOGO PARTENZA A VALLECATEGORIADIFFICOLTA'ACCESSOTIPOLOGIA
Bionaz (loc. Ru o Ruz)ALPINISMO      
ADATTO AI BAMBINIACCESSO CON CANI AL SEGUITO
NONO
DURATASEGNAVIA
4h dal Rif. Crete SecheNr.2 - Frecce e ometti
CLASSIFICAZIONEDISLIVELLO PARZIALEDISLIVELLO TOTALE
(F) - Facile1109 metri1823 metri
TABELLA DI DETTAGLIO DEL DISLIVELLO

Ruz - Rifugio Crete Seche: + 714 mt. (2h)
Rifugio Crete Seche - Mont Gelè: +1109 mt. (4h)
Totale: 1823 mt. (6h)

DESCRIZIONE ITINERARIO

Dal Rifugio Crete Seche (2410 mt.) seguire il sentiero che raggiunge il pianoro chiamato “Plan de la Sabbla" (sul quale è posto il Bivacco Spataro, già visibile dal rifugio). Proseguire verso il fondo del pianoro fino al bivio per il Colle di Crete Seche (in caso di innevamento guadare il torrente nel miglior punto possibile e puntare alla base dell’ultimo ripido scivolo a sinistra). Prendere a sinistra e risalire, su tracce di sentiero, il ripido canale detritico. Giunti al piano continuare su pietraia (bolli gialli e ometti) piegando verso destra e puntando ad un risalto roccioso che lo si risale su facili roccette (in caso di innevamento lo si aggira verso destra risalendo il pendio nevoso con moderata pendenza). Risalire ora l’ultimo pendio che permette di raggiungere il grande cippo in pietra al Colle del Mont Gelé (3180 mt.). Da qui ci si immette sul ghiacciaio del Mont Gelé; la cui vetta, già ben visibile, è caratterizzata dalla presenza di una grande croce in legno. Proseguire con una lunga diagonale verso sinistra fino a raggiunge il ripido pendio finale che si risale (circa 100 mt di dislivello con inclinazione di circa 40°) fino alle facili roccette sotto la vetta: in base alle condizioni è comunque possibile salire lungo il più facile tratto di cresta terminale che supera alcune facili roccette. Rimontare le roccette finali e raggiungere in breve tempo la croce in vetta del Mont Gelè (3519 mt.).

Discesa: La discesa si percorre sul medesimo itinerario della salita.

Difficoltà: Alpinistica nel complesso lunga ma facile in quanto presenta basse difficoltà tecniche. Si consiglia di effettuare la gita a inizio stagione per sfruttare l’innevamento già dal Plan de la Sabla, evitando pertanto buona parte di salita/discesa su terreno detritico (instabile nei canali). Sul ghiacciaio, è meglio procedere comunque in cordata. Prestare attenzione all’ultima rampa di ghiacciaio sotto la croce di vetta (100 mt. di dislivello), in quanto ripida: in caso di condizioni non ottimali è preferibile puntare direttamente alla croce passando per un breve tratto di cresta, su facili roccette.

Versione WEB stampabile     Versione stampabile in PDF     Richiedi info
  Visualizza il punto di partenza di questo itinerario sul Geonavigatore VDA                        
Non ci sono tracce GPS da scaricare                                                                                                
Aggiornato all'anno : 2013Fonte : www.TheFlintstones.it
LINK COLLEGATI
  Visita la scheda della vetta over 3000
NOTE

Impegno fisico: L'itinerario richiede un buon allenamento fisico

Fontanile: A Ruz e al Rifugio Crete Seche

Acqua: Attraversamento di torrente teramite guado al Plan de la Sabla

Bar/Ristoro: Rifugio Crete Seche (verificare i periodi di apertura)

Bastoni Trekking: Utili e consigliati fino al ghiaccaio

Attrezzatura alpinistica: Imbrago, corda, piccozza e ramponi (progressione in cordata su ghiacciaio); casco non necessario

INFORMAZIONI GENERALI SULL'ITINERARIO

Il Mont Gelé (3519 mt), si trova lungo la linea di confine tra l'Italia (Valpelline, in Valle d’Aosta) e la Svizzera (valle di Bagne, nel Canton Vallese), ed è una montagna che appartiene al gruppo del Grand Combin. La via normale di ascesa ha come punto di appoggio il Rifugio Crete Seche (o Bivacco Spataro), ma è possibile effettuare l’ascesa anche dal bivacco Regondi-Gavazzi (dalla Conca di By salendo da Ollomont). La salita al Mont Gelè presenta basse difficoltà tecniche e per questo è considerata una meta ottimale per chi vuole avvicinarsi all’alpinismo. La prima ascesa venne fatta l’ 11 agosto 1861 dall’ alpinista francese di Chamonix Michel Croz, che salì sul Mont Gelé per primo con il fratello Jean Baptiste e F. W. Jacomb.

GALLERIA FOTOGRAFICA