TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

IL DIARIO DELLE ESCURSIONI

VAI A 

Collegamenti veloci al Diario delle Escursioni


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questa recensione

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:


CODICESETTORE
97C1
REGIONE
VALLE D'AOSTA
SCHEDA TECNICA DEL DIARIO:
CASCATE DEL RUTOR
(DA LA JOUX)
   altre denominazioni:
  Cascate Rutorine



LUOGO PARTENZA A VALLECATEGORIADIFFICOLTA'ACCESSOTIPOLOGIA
La Thuile (loc. La Joux)TREKKING   
ADATTO AI BAMBINIACCESSO CON CANI AL SEGUITO
SISI
DURATASEGNAVIA
1h20' da La JouxNr. 3 o Alta Via Nr.2
CLASSIFICAZIONEDISLIVELLO PARZIALEDISLIVELLO TOTALE
(E) - Escursionistico406 metri406 metri
TABELLA DI DETTAGLIO DEL DISLIVELLO

La Joux - I Cascata: +106 mt. - 20' o (40’ anello basso)
La Joux - II Cascata: +256 mt. - 1h'
La Joux - III Cascata: +406 mt. - 1h20'

DESCRIZIONE ITINERARIO

Lasciata l’auto nei piccoli parcheggi poco oltre i casolari di La Joux (1594 mt.), a circa 3 km di distanza da La Thuile, percorrere la mulattiera che inizia sulla sinistra in prossimità del piazzale del bar delle cascate (palina segnavia; attenzione: il parcheggio antistante il bar è propietà privata) e che conduce al bel ponte in legno sul torrente Rutor. Oltre il ponte, al bivio (palina segnavia), seguire il sentiero che piega a destra ed entra nel bosco, raggiungendo in breve tempo la prima cascata (1700 metri; E' possibile abbreviare il percorso prendendo il sentiero che inizia in fondo al parcheggio del Bar delle Cascate o effettuare il giro ad anello). Poco oltre il terrazzino panoramico sulla prima cascata proseguire nel bosco (palina segnavia) e, dopo alcuni tornanti, raggiungere la Baita Parcet (1772 mt.). Proseguire attraversando un bucolico pianoro vicino al torrente e riprendere a salire per il sentiero, a tratti lastricato, fino alla svolta a destra (segnavia) per la seconda cascata (1.850 mt). Tornati al bivio, proseguire sul sentiero principale percorrendo ancora qualche tornante e raggiungere in brevissimo tempo il bivio (segnavia) per la terza cascata (2000 mt.), attraversabile grazie al ponte e che offre uno spettacolo mozzafiato sui due salti sottostanti. Poco più a monte della terza cascata un bivio offre la possibilità di salire ai Laghi del Rutor e al Rifugio Deffeyes (2494 mt.) o deviare sulla destra in direzione dei Laghi di Bellacomba (Via Normale).

Discesa:
La discesa si percorre sul medesimo itinerario della salita. In alternativa, alla terza cascata è anche possibile seguire il sentiero del Centocinquantenario fino a La Joux.

Difficoltà: I Cascata: (T) Nessuna difficoltà; II Cascata: (E) Sentiero moderatamente faticoso, specie in discesa, in prevalenza scalettato da rocce e radici; III Cascata: (E) medesime difficoltà descritte per la seconda cascata in quanto la seconda e terza sono molto ravvicinate.

Versione WEB stampabile     Versione stampabile in PDF     Richiedi info
  Visualizza il punto di partenza di questo itinerario sul Geonavigatore VDA                        
Non ci sono tracce GPS da scaricare                                                                                                
Aggiornato all'anno : 2016Fonte : www.TheFlintstones.it
NOTE

- L'itinerario richiede un minimo allenamento fisico
- Fontanile: Nessuno
- Bar/Ristoro: Bar delle cascate a La Joux (verificare apertura stagionale)
- Bastoni trekking utili e consigliati

INFORMAZIONI GENERALI SULL'ITINERARIO

Le tre cascate del Rutor sono tra le più spettacolari della Valle d’Aosta e sono generate dall’omonimo torrente, alimentato dai numerosi laghetti posti all’estremità nord-ovest del ghiacciaio del Rutor.

Estate 2014 - i 150 anni delle cascate Rutorine

Sono passati 150 anni dall’improvviso svuotamento del Lago di Santa Margherita che causò l’ultima alluvione sul paese di La Thuile, e che solo con l’evoluzione glaciale ha terminato di incutere terrore tra la popolazione. Il fronte del ghiacciaio, infatti, si ritirò definitivamente dalle sponde del lago nel 1864, anno in cui compì l'ultima rotta glaciale. Da allora il lago non è più stato sbarrato dal ghiaccio e le acque di fusione del Rutor, tornarono a defluire normalmente a valle, in quello spettacolo di salti e spruzzi delle cascate Rutorine, che possiamo contemplare anche oggi.

In occasione dei festeggiamenti del centocinquantenario delle cascate è stato ricostruito, sui resti di quello antico e già documentato a fine 1800, il ponte sulla terza cascata. Un nuovo sentiero denominato “sentiero del centocinquantenario” permette ora di effettuare un interessante anello da La Joux.

GALLERIA FOTOGRAFICA
       
       
       
GALLERIE FOTOGRAFICHE AGGIUNTIVE
  Laghi di Bellacomba e Cascate del Rutor - Foto del 13/08/2008