TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

IL DIARIO DELLE ESCURSIONI

VAI A 

Collegamenti veloci al Diario delle Escursioni


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questa recensione

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:


CODICESETTORE
24C2
REGIONE
VALLE D'AOSTA
SCHEDA TECNICA DEL DIARIO:
COLLE DELLA CROCE
(DAL COLLE SAN CARLO)
   altre denominazioni:
  Col Croce - Col de la Croix



LUOGO PARTENZA A VALLECATEGORIADIFFICOLTA'ACCESSOTIPOLOGIA
Morgex (loc. Colle San Carlo)TREKKING   
ADATTO AI BAMBINIACCESSO CON CANI AL SEGUITO
Tenuti per mano (brevi tratti)SI
DURATASEGNAVIA
1h30' dal Colle San CarloNr. 16
CLASSIFICAZIONEDISLIVELLO PARZIALEDISLIVELLO TOTALE
(E) - Escursionistico410 metri410 metri
TABELLA DI DETTAGLIO DEL DISLIVELLO

Colle San Carlo - Colle della Croce: +410 mt. (1h30’)
Colle della Croce - Lago d’Arpy: - 375 mt. (50’)
Lago d’Arpy - Colle San Carlo: - 95 mt. (45’)
Totale: 820 mt. (+/- 410 metri; 3h5’)

DESCRIZIONE ITINERARIO

La prima parte dell'itinerario è la medesima che conduce al lago di Arpy, fino al primo bivio che si incontra sulla strada sterrata (paline segnavia). Prendere il sentiero che (verso destra) si innalza nel bosco e che con serie di tornanti (a circa 15 minuti dal bivio) permetteranno di risalire un promontorio roccioso, dal quale si può godere di un'ottima vista sulla catena del Monte Bianco e poco più a destra sula piana di Arpy. Raggiungere un secondo bivio e continuare a sinistra (camminando ancora per una decina di minuti, sulla vostra destra potrete ammirare dall'alto il lago di Arpy). Continuare sull’evidente sentiero fino ad un nuovo bivio. Da qui piegare a destra e in breve tempo raggiungere il Colle della Croce (2381 metri; a poca distanza dalla croce si trova un ripetitore). In breve tempo si possono visitare le fortificazioni militari che si trovano nei pressi di Punta della Croce.

Discesa: La discesa si percorre sul medesimo itinerario della salita. In alternativa è possibile rientrare al Colle San Carlo passando dal Lago di Arpy per compiere così un bellissimo percorso ad anello.

Anello: Dal Colle della Croce tornare all’ultimo bivio incontrato e seguire il sentiero di destra che scende al Lago d’Arpy. Raggiunto il lago prendere la strada sterrata che rientra al Colle San Carlo.

Difficoltà: Modesta fino al Colle della Croce e successiva discesa al lago di Arpy. Molto facile il tratto Lago di Arpy - Colle San Carlo. Nel caso in cui venisse effettuato il giro contrario si segnala che il tratto Lago di Arpy - Colle della Croce risulta essere abbastanza impegnativo.

Versione WEB stampabile     Versione stampabile in PDF     Richiedi info
  Visualizza il punto di partenza di questo itinerario sul Geonavigatore VDA                        
Non ci sono tracce GPS da scaricare                                                                                                
Aggiornato all'anno : 2018Fonte : www.TheFlintstones.it
NOTE

Impegno fisico: L'itinerario richiede una discreta preparazione fisica

Fontanile: Nel parcheggio al Colle San Carlo (lungo la strada si trova un fontanile ma non c'è acqua)

Acqua: Nessun attraversamento di acqua

Bar/Ristoro: Hotel Bar/Ristorante La Genzianella (verificare i periodi di apertura)

Bastoni Trekking: Bastoni trekking utili e consigliati

INFORMAZIONI GENERALI SULL'ITINERARIO

Al Colle della Croce, a 2381 metri, sul lungo e stretto crinale che separa la piana di Petosan dal vallone di Arpy, si trovano i resti di un complesso sistema fortificato, messo in opera già alla fine del XVII° secolo per difendere il Ducato di Savoia dall'invasione francese. Le prime testimonianze storiche sul complesso risalgono alla guerra della Lega di Augusta, detta anche Guerra dei Nove Anni, tra gli eserciti contrapposti del re di Francia Luigi XIV e del Duca di Savoia Vittorio Amedeo II. Il colle era una posizione strategica per controllare frontalmente la strada del Piccolo San Bernardo e sbarrare, insieme ai sistemi trincerati di prima linea disposti nei pressi del valico e al fondovalle, il passaggio verso il Colle San Carlo e quindi la discesa verso Morgex.

GALLERIA FOTOGRAFICA