TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

IL DIARIO DELLE ESCURSIONI

VAI A 

Collegamenti veloci al Diario delle Escursioni


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questa recensione

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:


CODICESETTORE
333B1
REGIONE
VALLE D'AOSTA
SCHEDA TECNICA DEL DIARIO:
BIVACCO GERVASUTTI
(DA FREBOUDZE STRADA PER ARNOUVA)
   altre denominazioni:
  Bivacco Giusto Gervasutti



LUOGO PARTENZA A VALLECATEGORIADIFFICOLTA'ACCESSOTIPOLOGIA
Courmayeur (loc. Freboudze)VIA ATTREZZATA      
ADATTO AI BAMBINIACCESSO CON CANI AL SEGUITO
NONO
DURATASEGNAVIA
3h30' dalla stradaBolli + ometti
CLASSIFICAZIONEDISLIVELLO PARZIALEDISLIVELLO TOTALE
(EEA) - Escursionisti Esperti Attrezzati1121 metri1121 metri
DESCRIZIONE ITINERARIO

Premessa:
Dall'estate 2015 è disponibile un nuovo sentiero che parte sulla sinistra della strada per Arnouva, a circa 700 metri a monte del sentiero per il Rifugio Bonatti. Il nuovo accesso permette di risparmiare circa 80 mt. di dislivello ma soprattutto permette di attraversare agevolmente la Dora di Ferret tramite una passerella, risolvendo le problematiche legate all'attraversamento dei torrenti partendo dal ponte sulla Dora in località Freboudze.

Itinerario:
Dalla palina segnavia (circa 1750 mt.), posta sul lato sinistro della strada della Val Ferret nei pressi di una piazzuola ecologica per la raccolta differenziata dei rifiuti, attraversare la Dora di Ferret tramite una comoda passerella. Risalire il pendio morenico, poco inclinato, seguendo i numerosi bolli gialli ed ometti tra la bassa vegetazione tormentata dalle valanghe, puntando ad un evidente masso verticale (una specie di obelisco stretto e alto sul quale è presente un bollo giallo). Aggirare il masso sulla sua destra e piegare leggermente verso sinistra, superando alcuni torrentelli con facile guado. Seguire il sentiero che piega nuovamente verso destra e risale in maniera irta una spalla erbosa ( terreno prevalentemente friabile con un breve passaggio su roccia liscia), portandosi alla base della parete rocciosa a destra della morena (sinistra orografica). Guadare il torrente e risalire il canale roccioso attrezzato con corde fisse. Raggiunto il colletto sommitale seguire l’evidente sentiero che piega a sinistra e supera un terrazzamento erboso, entrando nella morena superiore. Proseguire seguendo gli ometti e i bolli gialli superando alcuni piccoli torrentelli e attraversando alcune pietraie fino a raggiungere un ampio nevaio che va attraversato. Risalire le varie placche di roccia liscia in parte coperta da detriti, cercando i passaggi migliori, lambendo la grande seraccata del ghiacciaio di Fréboudze. Piegare ora verso destra risalendo le ultime placche lisce e superando i nevai ai piedi della lingua terminale del ghiacciaio che scende alla destra (sinistra orografica) dell'isolotto roccioso su cui sorge il bivacco, già ben visibile. Raggiungere la base della ripida parete finale (circa 30 mt.) e risalirla con l’aiuto delle corde fisse fino al terrazzino su cui di trova il Bivacco Gervasutti (2870 mt.).

Discesa: La discesa si percorre sul medesimo itinerario della salita.

Difficoltà: Gita nel complesso impegnativa e molto varia che vedono l’escursionista messo alla prova con: guadi, nevai, tratti attrezzati, facili placche. Attenzione: per quanto detto, in base alle condizioni, l’itinerario assumere carattere alpinistico con difficoltà classificate come F+/PD-; Prestare attenzione al guado sul torrente che precede il primo tratto attrezzato; Il canale attrezzato con corda fissa presenta buoni appigli. Nella prima parte si arrampica con passaggi di I/II°, mentre la seconda metà è tutta con passaggi di I°; Nella parte alta prestare attenzione alla parte centrale di attraversamento in falsopiano che non presenta particolari difficoltà tecniche ma si trova ai piedi di un canale in cui possono verificarsi distacchi di seracchi o scariche di sassi; Sono consigliati i ramponi al seguito in caso di neve dura sui nevai, specialmente quello più esteso che precede le placche lisce. Le placche lische nei pressi delle lingue terminali del ghiacciaio sono in genere poco inclinate e facilmente camminabili tranne qualche singolo passaggio dove è richiesta attenzione ed uso delle mani per via della presenza di materiale detritico che rende scivolosa la progressione, specialmente in discesa; La ripida parete attrezzata sotto il bivacco è ben appigliata e ha tutti passaggi di II°, salvo un singolo passaggio di II°+/III° , dove occorre da fare una spaccata. In discesa, a sinistra delle corde fisse è presente uno spit per evitare di disarrampicare sulla parete ripida attrezzata (calata o doppia di 30 mt. oppure due da 15 mt utilizzando un secondo spit presente).

Versione WEB stampabile     Versione stampabile in PDF     Richiedi info
  Visualizza il punto di partenza di questo itinerario sul Geonavigatore VDA                        
  Scarica le tracce GPS disponibili (1)                                                                                                
Aggiornato all'anno : 2016Fonte : www.TheFlintstones.it
LINK COLLEGATI
  Visita la scheda del bivacco
  Visita la scheda del sentiero attrezzato
NOTE

- L'itinerario richiede un buon allenamento fisico
- Fontanile nessuno (solo acqua di fusione o di torrente)
- Bastoni trekking utili solo parzialmente
- Consigliato casco, imbrago, corda, ramponi (eventuale longe o kit ferrata nel tratto di corda fissa).

INFORMAZIONI GENERALI SULL'ITINERARIO

Completamente rinnovato nel 2011 con una costruzione futuristica in vetroresina di color bianco e rosso, questo bivacco è diventato un MUST da visitare per rendersi conto delle moderne tecnologie applicabili anche in montagna. Pannelli solari, illuminazione a led, computer interno: un gioiello da ammirare e visitare!

GALLERIA FOTOGRAFICA