TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

IL DIARIO DELLE ESCURSIONI

VAI A 

Collegamenti veloci al Diario delle Escursioni


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questa recensione

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:


CODICESETTORE
293B1
REGIONE
VALLE D'AOSTA
SCHEDA TECNICA DEL DIARIO:
FUNIVIE MONTE BIANCO: SKYWAY



LUOGO PARTENZA A VALLECATEGORIADIFFICOLTA'ACCESSOTIPOLOGIA
Courmayeur (loc. Entreves)TURISTICO  
ADATTO AI BAMBINIACCESSO CON CANI AL SEGUITO
SISI
DURATASEGNAVIA
9' (4'+5') in FuniviaSkyway
CLASSIFICAZIONEDISLIVELLO PARZIALEDISLIVELLO TOTALE
(T) - Turistico2166 metri2166 metri
DESCRIZIONE ITINERARIO

Uno scenario davvero unico, sul tetto delle Alpi, è quello proposto al termine di un itinerario sulle pendici del Monte Bianco, ideale per trascorrere una giornata davvero straordinaria. Sole, neve anche in piena estate e una terrazza panoramica a 3466 mt.(terrazza panoramica circolare, di 14 metri di diametro), dove la vista può spaziare tra le vette, i ghiacciai e i seracchi del Monte Bianco, valgono la definizione di “ottava meraviglia del mondo”. Da queste altitudini si ha veramente la sensazione di dominare il mondo e di toccare il cielo con un dito: non è infatti cosa di tutti i giorni guardare le Alpi dall’alto, potendo facilmente dare un nome alle vette che costellano la catena del Bianco. Il tutto è comodamente raggiungibile in funivia, con partenza da Pontal d’Entrèves (1300 mt.), frazione di Courmayeur ed ultimo centro abitato prima del traforo del Monte Bianco. La nuova funivia del Monte Bianco “Skyway” è suddivisa in due tronconi (Pontal d’Entrèves - Pavillon e Pavillon – Punta Helbronner) che raggiungono Punta Helbronner (confine tra Italia e Francia a 3466 mt.); qui si trova la “Terrazza dei Ghiacciai”, che vi permetterà uno sguardo ravvicinato sulla cima del Bianco (4810 mt.), sul Dente del Gigante (4014 mt.), sull’ Aiguille du Midi (3842 mt.), su Les Grandes Jorasses, tutti a poche centinaia di metri in linea d’aria da voi. Poco sotto la terrazza, nel bel mezzo del Ghiacciaio del Gigante, si trova il Rifugio Torino: punto di appoggio per gli alpinisti più esperti ma anche rifugio alla portata di tutti coloro che vorranno concedersi un po’ di relax sull’ampia terrazza adibita a solarium o semplicemente assaporare qualche piatto tipico della cucina regionale valdostana. Sempre a Punta Helbronner è inoltre possibile visitare la mostra permanente di cristalli, raccolti dagli alpinisti di tutta Italia durante le loro ascensioni. Scendendo a valle è d’obbligo una tappa all’arrivo della prima tratta della funivia del Monte Bianco (Pavillon du Mont Frety, 2173 mt.), dove si trova l’oasi naturalistica. Essa offre la possibilità di visitare il giardino botanico “Sassurea” (2175 mt.), il più alto d’Europa, che conta più di 800 esemplari differenti di fiori e piante provenienti da tutto il mondo e dai nomi più bizzarri (solo per dirne uno: il Pan di Marmotta, che è un morbidissimo muschio alpino!).

Traversata del monte Bianco in Funivia
Attenzione! Causa lavori a Punta Helbronner (a seguito della realizzazione delle Nuove Funivie Monte Bianco) NON è ancora possibile proseguire nella Traversata del Monte bianco in funivia, per raggiungere la stazione francese della Funivia dell’ Aiguille di Midi, posta a quota 3777 metri. La salita può essere fatta da Chamonix e la traversata Aiguille di Midi – Punta Helbronner è aperta solo nel periodo estivo.

Versione WEB stampabile     Versione stampabile in PDF     Richiedi info
  Visualizza il punto di partenza di questo itinerario sul Geonavigatore VDA                        
Non ci sono tracce GPS da scaricare                                                                                                
Aggiornato all'anno : 2015Fonte : www.TheFlintstones.it
LINK COLLEGATI
  Visita la scheda del rifugio
NOTE

- Itinerario Turistico che si sviluppa interamente in funivia.

INFORMAZIONI GENERALI SULL'ITINERARIO

Le nuove funivie del Monte Bianco sono state inaugurate nell'estate 2015. Le cabine della funivia ruotano su sé stesse, per offrire ai passeggeri una vista completa sulle vette circostanti lungo tutto il percorso, che copre circa 2.200 metri di dislivello in una decina di minuti.

GALLERIA FOTOGRAFICA