TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

IL DIARIO DELLE ESCURSIONI

VAI A 

Collegamenti veloci al Diario delle Escursioni


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questa recensione

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:


CODICESETTORE
262C3
REGIONE
VALLE D'AOSTA
SCHEDA TECNICA DEL DIARIO:
BECCA DI NONA
(DA PILA PER IL COL REPLAN)
   altre denominazioni:
  Picco delle undici ore, Pic de onze heures, Pic de Nona



LUOGO PARTENZA A VALLECATEGORIADIFFICOLTA'ACCESSOTIPOLOGIA
Gressan (loc. Pila)TREKKING    
ADATTO AI BAMBINIACCESSO CON CANI AL SEGUITO
NOSI
DURATASEGNAVIA
3h da ChamolèNr. 16
CLASSIFICAZIONEDISLIVELLO PARZIALEDISLIVELLO TOTALE
(E) - Escursionistico+1085 -268 metri+ 1610 -268 metri
TABELLA DI DETTAGLIO DEL DISLIVELLO

Pila-Chamolè: +525 (evitabile con l’uso della seggiovia)
Chamolè - Col Replan: +43
Col Replan- Comboè: -268
Comboè - Becca di Nona: +1042
Totale da Pila (1878 metri) / Totale da Chamolè ( 1353 metri)

DESCRIZIONE ITINERARIO

L’itinerario di salita è il medesimo descritto per raggiunger e il Bivacco Zullo al Col Carrel ( 2907 mt.) fino ad un evidente bivio posto in prossimità di un grosso masso. Da qui piegare sulla traccia di sinistra (abbandonando il sentiero che sale al Col Carrel). Risalire il pendio detritico con numerose svolte fino alla vetta della Becca di Nona (3142 mt.), caratterizzata dalla presenza di una imponente statua con l’effige della Madonna su basamento in ghisa.

Discesa: La discesa si percorre sul medesimo itinerario della discesa. In alternativa dalla cima percorrere la cresta sud (su ripido sentierino) sino al bivacco Zullo, posto sul colle Carrel (2897 mt.). Dal Col Carrel scendere in direzione ovest, percorrendo il sentiero (segnavia 16) che in breve tempo riporta al grosso masso ove ci si ricollega con l'itinerario di salita.

Difficoltà: Itinerario lungo con tratti ripidi e su tratti rocciosi nella parte alta. L’ultimo punto acqua è all’alpeggio Comboè. In vetta prestare molta attenzione alla strapiombante parete Nord.

Versione WEB stampabile     Versione stampabile in PDF     Richiedi info
  Visualizza il punto di partenza di questo itinerario sul Geonavigatore VDA                        
  Scarica le tracce GPS disponibili (1)                                                                                                
Aggiornato all'anno : 2014Fonte : www.TheFlintstones.it
LINK COLLEGATI
  Visita la scheda della vetta over 3000
NOTE

- L'itinerario richiede un buon allenamento fisico
- Fontanile: Alpeggio Comboè
- Bastoni trekking utili e consigliati

INFORMAZIONI GENERALI SULL'ITINERARIO

La Becca di Nona (in francese, Pic de Nona - 3142 mt.) è una montagna collocata esattamente sopra alla Città d'Aosta e, nonostante la sua altezza abbastanza ragguardevole, sembra più piccola del reale a causa dell'imponente mole del Monte Emilius (3.559 mt.), 400 metri più alto, appena alle spalle della medesima. Nel 1878 la sezione aostana del Club Alpino fece costruire sulla sommità della Becca un piccolo rifugio, chiamandolo “le Pavillon Budden”, caduto presto in rovina e, vent’anni dopo, abbandonato. La succursale di Aosta del C.A.I. decise di installare sulla vetta della Becca di Nona una statua della Vergine con basamento in ghisa, trasportata a dorso di mulo fino alla sommità. La sua inaugurazione avvenne il 12 settembre 1892, alla presenza non solo di “Charvensolins”, ma anche di numerosi fedeli di ogni provenienza.

Data prima ascensione: 1832
Autore/i prima ascensione: Ing. Casalegno dello Stato Maggiore Sardo

(Fonte: Wikipedia / Comune di Charvensod)

GALLERIA FOTOGRAFICA