TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

IL DIARIO DELLE ESCURSIONI

VAI A 

Collegamenti veloci al Diario delle Escursioni


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questa recensione

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:


CODICESETTORE
190C3
REGIONE
VALLE D'AOSTA
SCHEDA TECNICA DEL DIARIO:
BIVACCO ZULLO
(DA PILA)
   altre denominazioni:
  Bivacco Federigo Zullo



LUOGO PARTENZA A VALLECATEGORIADIFFICOLTA'ACCESSOTIPOLOGIA
Gressan (loc. Pila)TREKKING    
ADATTO AI BAMBINIACCESSO CON CANI AL SEGUITO
NONO
DURATASEGNAVIA
3h20'dal lago ChamolèNr.19/16A/14
CLASSIFICAZIONEDISLIVELLO PARZIALEDISLIVELLO TOTALE
(E) - Escursionistico1494 metri2042 metri
DESCRIZIONE ITINERARIO

Raggiunto il lago di Chamolè (2325 mt.), proseguire sul sentiero che lo costeggia per un breve tratto fino alle paline segnavia poste all'inizio della sponda nord dello specchio d'acqua. Seguire le indicazioni per Comboè risalendo, con moderata pendenza, il crinale del Col Replan. Giunti al colle proseguire verso sinistra e giungere al bel pianoro del Col Fenetre dove si stacca sulla destra il sentiero che scende ripido nel bosco (si perdono circa 450 mt. di quota) e giunge nel vallone di Comboé, nei pressi dell'omonimo alpeggio. Lasciandosi i fabbricati dell'alpeggio a sinistra, proseguire a destra verso il fondo del vallone fino a giungere ad un bivio. Da qui svoltare a sinistra e superare il torrente tramite un ponticello in legno (proseguendo dritto si salirebbe la bastionata rocciosa sottostante il vallone di Arbolle, su cui si trova il Rifugio Arbolle (2497 mt.). Il sentiero ora inizia a risalire una fascia boschiva in modo molto ripido fino al Pian Valé dove le pendenze permettono di rifiatare. Proseguire sempre verso sinistra portandosi alle pendici detritiche della Becca di Nona. Giunti nei pressi di un grosso masso si incontra nuovamente un bivio, ove a sinistra diparte uno dei due itinerari normali che conducono in vetta alla Becca di Nona (il più ripido); l'altro itinerario inizia dal colle Carrel. Proseguire quindi diritti sulla traccia che si dirige verso la pietraia sottostante l'evidente colle Carrel su cui si trova il Bivacco Federigo Zullo (2907 mt.), già ben visibile.

Discesa: La discesa si percorre sul medesimo itinerario della salita. In alternativa è possibile salire al Monte Emilius tramite la via ferrata e rientrare a Chamolè dalla via normale, per il Colle dei Cappuccini.

Difficoltà: Itinerario nel complesso molto lungo. Mediamente ripido il tratto di salita dal lago Chamolè al Replan. Molto ripido il tratto in discesa, nel bosco, dal Col Fenêtre all'alpeggio Comboé. Molto ripido e con alto dispendio di forze la salita dal Vallone di Comboé al Pian Valé. Mediamente ripido il tratto di sentiero che a svolte risale la pietraia sotto al Colle Carrel.

Versione WEB stampabile     Versione stampabile in PDF     Richiedi info
  Visualizza il punto di partenza di questo itinerario sul Geonavigatore VDA                        
Non ci sono tracce GPS da scaricare                                                                                                
Aggiornato all'anno : 2011Fonte : www.TheFlintstones.it
LINK COLLEGATI
  Visita la scheda del bivacco
NOTE

- L'itinerario richiede un buon allenamento fisico
- Fontanile: Bar Barakka Chamolè
- Bastoni trekking utili e consigliati

GALLERIA FOTOGRAFICA