TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

IL DIARIO DELLE ESCURSIONI

VAI A 

Collegamenti veloci al Diario delle Escursioni


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questa recensione

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:


CODICESETTORE
393D5
REGIONE
VALLE D'AOSTA
SCHEDA TECNICA DEL DIARIO:
MONTE CRABUN
(DA GLAIRET PER IL BIVACCO CRABUN)
   sottotitolo:
  Monte Crabun dalla strada per le frazioni Fey dessus / Glairet / Pra



LUOGO PARTENZA A VALLECATEGORIADIFFICOLTA'ACCESSOTIPOLOGIA
Perloz (loc. Glairet)TREKKING   
ADATTO AI BAMBINIACCESSO CON CANI AL SEGUITO
Poco adattoSI
DURATASEGNAVIA
2h45' da GlairetNr. 1
CLASSIFICAZIONEDISLIVELLO PARZIALEDISLIVELLO TOTALE
(E) - Escursionistico60 metri1348 metri
TABELLA DI DETTAGLIO DEL DISLIVELLO

Pra - Bivacco Crabun: + 1288 mt. (2h40’)
Bivacco Crabun - Monte Crabun: + 60 mt. (5’)
Totale: +1348 mt. (2h45’)

DESCRIZIONE ITINERARIO

Premessa: Nel periodo estivo (da inizi Giugno a fine Settembre) in genere è consentito il transito in auto fino a Pra 1362 metri, riducendo il dislivello di 200 metri ma sopratutto lo sviluppo della gita. Il nostro itinerario parte da Glairet, poco prima di giungere a Pra (Negli altri periodi la strada viene chiusa in località Fey superiore)

Itinerario
Poco prima del villaggio di Pra (1362 mt.) imboccare a sinistra la mulattiera (palina segnavia) che si inoltra nel vallone del torrente Nantay. Superare una presa d’acqua e continuare risalendo lungo la mulattiera, in parte lastricata e inizialmente costeggiata da una staccionata in legno, la destra orografica della gola del torrente sovrastata dai cavi di acciaio delle teleferiche di servizio degli alpeggi di Pian. Raggiungere il punto più stretto della suddetta gola e, superata una vasca in cemento per la raccolta dell’acqua, attraversare il torrente tramite guado. Risalire con strette svolte, protette da staccionata in legno, il versante opposto della gola e raggiungere l’ampio nonché ameno pianoro erboso dell'Alpe Pian. Attraversare l'altopiano, dirigendosi verso la testata del vallone, superando alcune baite diroccate. Superare piccolo pianoro e imboccare la lunga diagonale, verso sinistra, che permette di raggiungere la lunga cresta Est. Percorre l’intera cresta (ben segnata con la presenza di vari ometti di pietra utili in caso di nubi basse), superando qualche breve tratto esposto e successivamente qualche facile roccetta, e raggiungere il terrazzino in cui si trova il Bivacco Crabun (2650 mt.). Dal bivacco scendere di qualche metro sul versante sud per superare il costone roccioso a ridosso della struttura o in alternativa risalire i gradini metallici posti di fianco alla parte in legno del bivacco. Risalire il ripido pendio erboso che in breve tempo raggiunge la vetta del Monte Crabun (2710 mt.), caratterizzata da un grande basamento in pietra che sorregge la croce con il Cristo in legno.

Discesa: La discesa si percorre sul medesimo itinerario della salita.

Difficoltà: Qualche tratto della lunga diagonale per la cresta Est è un po' esposto per via di qualche smottamento del terreno. Prestare attenzione alle roccette parte finale dell’itinerario in caso di terreno bagnato. Attenzione alla visibilità in quanto questa zona è spesso caratterizzata dalla presenza di nebbia per via delle nubi basse, che si addensano nelle zone di confine con la pianura.

Versione WEB stampabile     Versione stampabile in PDF     Richiedi info
  Visualizza il punto di partenza di questo itinerario sul Geonavigatore VDA                        
  Scarica le tracce GPS disponibili (1)                                                                                                
Aggiornato all'anno : 2018Fonte : www.TheFlintstones.it
LINK COLLEGATI
  Visita la scheda del bivacco
NOTE

Impegno fisico: L'itinerario richiede un discreto allenamento fisico

Fontanile: A Glairet / Pra e nel vallone in corrispondenza del bivio per i casolari di Pian

Acqua: Un attraversamento di rilievo, del torrente, tramite guado (in genere senza particolari difficolà)

Bar/Ristoro: Nessuno

Bastoni Trekking: Bastoni trekking utili e consigliati

GALLERIA FOTOGRAFICA