TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

IL DIARIO DELLE ESCURSIONI

VAI A 

Collegamenti veloci al Diario delle Escursioni


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questa recensione

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:


CODICESETTORE
272D5
REGIONE
VALLE D'AOSTA
SCHEDA TECNICA DEL DIARIO:
PUNTA TRE VESCOVI
(DAL COLLE DELLA MOLOGNA PICCOLA LUNGO IL SENTIERO ATTREZZATO CON LA TRAVERSATA DEI GEMELLI)



LUOGO PARTENZA A VALLECATEGORIADIFFICOLTA'ACCESSOTIPOLOGIA
Gaby (loc. Niel)VIA ATTREZZATA      
ADATTO AI BAMBINIACCESSO CON CANI AL SEGUITO
NONO
DURATASEGNAVIA
4h da Niel6C -> bolli azzurri -> ometti
CLASSIFICAZIONEDISLIVELLO PARZIALEDISLIVELLO TOTALE
(EEA) - Escursionisti Esperti Attrezzaticirca 630 metricirca 1300 metri
TABELLA DI DETTAGLIO DEL DISLIVELLO

Niel - Colle della Mologna Piccola: +665
Colle della Mologna Piccola - Traversata dei Gemelli : +300 circa / - 200 circa (saliscendi)
Colle Mologna Grande - Tre Vescovi: +139
Totale: circa 1300 mt.

DESCRIZIONE ITINERARIO

La parte iniziale dell’itinerario è la medesima descritta per raggiungere il Colle della Mologna Piccola (2205 mt.). Dal colle proseguire sulla sinistra fra grandi massi e su tracce di sentiero (bollini blu), lungo la cresta dell’Anticima che, con due gobbe (rispettivamente di 2283 mt. e 2352 mt.), precede la prima vetta del primo Gemello (2473 mt; la più elevata dei Tre Gemelli).Scendere nell’intaglio fra i primi due vette con l’ausilio delle corde fisse e risalire il secondo Gemello (2435 mt.) su una placca liscia attrezzata con catene. Continuare per cresta superando anche il terzo Gemello (2398 mt.) e raggiungere con un po di saliscendi il Colle di Mologna Grande (2364 mt.); sul versante biellese è possibile vedere il sottostante e non lontano Rifugio Rivetti. Dal colle proseguire sul sentierino che sale in cresta e raggiunge in breve tempo la Punta Tre Vescovi (2503 mt.)

Discesa: Scendere al Colle di Mologna Grande e da qui scendere sul versante valdostano (opposto rispetto al rifugio Rivetti). Raggiungere il bivio (ometto in pietra con i segnavia) e piegare verso sinistra. Superare i facili pendii morenici e proseguire la discesa sui pendii ora divenuti erbosi. Continuando a scendere sull’evidente sentiero superare alcuni ruderi di alpeggio e raggiungere i casolari di Schtovela. Attraversare il torrente sui due ponticelli in legno e raggiungere l’alpe Mattà, i casolari Péiri ed infine il parcheggio a Niel.

Difficoltà: Lunghi tratti di sentiero o di tracce di esso, in mezzo a grandi rocce sempre con buoni appigli. Tratti discontinui, attrezzati (solo dove necessario) con corde fissa o da catena (vecchio tipo). Itinerario nel complesso lungo ed esposto con qualche passaggio aereo e/o atletico (prima catena tra il primo ed il secondo Gemello, nell’intaglio). Prestare massima attenzione ai tratti di sentiero scosceso ed esposto nei tratti in cui non è presente la corda: qui la traccia (evidente e su terra), è circondata da erba ollina e pertanto molto scivolosa e pungente. Vivamente sconsigliato percorrere la via con nebbia o pioggia. L’itinerario può essere percorso anche nel senso opposto a quello descritto. Imbragatura e longe, seppur non necessari, possono essere utili e consigliati.

Versione WEB stampabile     Versione stampabile in PDF     Richiedi info
  Visualizza il punto di partenza di questo itinerario sul Geonavigatore VDA                        
  Scarica le tracce GPS disponibili (1)                                                                                                
Aggiornato all'anno : 2015Fonte : www.TheFlintstones.it
LINK COLLEGATI
  Visita la scheda del sentiero attrezzato
NOTE

- L'itinerario richiede un buon allenamento fisico
- Fontanile: Niel (loc. La Gruba) e a Schtovela (al rientro)
- Bastoni trekking non necessari fino al colle, in zaino lungo il sentiero attrezzato
- Imbrago e longes consigliati ma non strettamente necessari (guanti da Ferrata utili e consigliati)

INFORMAZIONI GENERALI SULL'ITINERARIO

Punta Tre Vescovi (2503 mt.), il cui nome ricorda una antica suddivisione di questi territori in tre aree d’appartenenza, offre un vasto panorama a 360 gradi sulle cime e sui laghi dei due versanti (tra cui gli omonimi e grandi laghi sul versante biellese).

GALLERIA FOTOGRAFICA