TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

IL DIARIO DELLE ESCURSIONI

VAI A 

Collegamenti veloci al Diario delle Escursioni


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questa recensione

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:


CODICESETTORE
364C5
REGIONE
VALLE D'AOSTA
SCHEDA TECNICA DEL DIARIO:
CORNO VITELLO
(DA ESTOUL PER IL RIFUGIO ARP E LAGHI VALFREDDA)
   altre denominazioni:
  Chalberhore



LUOGO PARTENZA A VALLECATEGORIADIFFICOLTA'ACCESSOTIPOLOGIA
Brusson (loc. Estoul)TREKKING    
ADATTO AI BAMBINIACCESSO CON CANI AL SEGUITO
Tenuti per mano (lunghi tratti)SI
DURATASEGNAVIA
1h15' dal lago Valfredda (alto)Nr. 5/5A → 5B
CLASSIFICAZIONEDISLIVELLO PARZIALEDISLIVELLO TOTALE
(EE) - Escursionisti Esperti482 metri1242 metri
TABELLA DI DETTAGLIO DEL DISLIVELLO

Estoul - Rifugio Arp: +631 mt. (2h)
Rifugio Arp - Lago Valfredda Basso: +84 mt. (20’)
Lago Valfredda Basso - Lago Valfredda Alto: +45 mt. (5’)
Lago Valfredda Alto - Corno vitello: +482 mt. (1h15’)
Totale: +1242 mt. (3h40’)

DESCRIZIONE ITINERARIO

L'itinerario iniziale è lo stesso che conduce al Lago Valfredda alto (2575 mt.). Raggiunto il lago risalire il soprastante pendio erboso con una lunga serie di diagonali, fino a raggiungere il crinale (segnavia). Seguire il crinale verso destra (ignorando a sinistra il sentiero di cresta per il Corno Bussola), seguendone il filo, fino ad un bivio. Continuare verso sinistra, trascurando a destra il sentiero per il Colle di Valfredda (segnavia). Continuare, su sentiero sempre ben marcato, fino a raggiungere un risalto della cresta su terreno detritico e sfasciumi (ometti e segni gialli). Giunti nel punto più alto della cresta, piegare verso sinistra scendendo in maniera decisa sulla pietraia. Continuare con un lungo diagonale pianeggiante, portandosi verso la conca detritica terminale, aggirando una specie di torre fatta di sfasciumi. Giunti alla base della ripida valletta detritica, che porta verso la cima, risalire in maniera decisa con una serie di svolte, fino a raggiungere una insellatura. Da qui in breve tempo raggiungere l’ampia vetta del Corno Vitello (3057 mt.), sormontata da un grande ometto in pietra con una croce in legno.

Discesa: La discesa si percorre sul medesimo itinerario della salita. In alternativa è possibile tornare al primo crinale sopra il lago Valfredda Alto e scendere sul versante opposto (Vallone di Mascongnaz), fino a Champoluc (occorre avere una seconda auto per rientrare a Estoul).

Difficoltà: Escursione abbastanza lunga e con un discreto sviluppo ma l’itinerario è sempre ben marcato. Occorre prestare un po’ di attenzione alla discesa sulla pietraia e al pendio detritico terminale che porta in vetta.

Versione WEB stampabile     Versione stampabile in PDF     Richiedi info
  Visualizza il punto di partenza di questo itinerario sul Geonavigatore VDA                        
  Scarica le tracce GPS disponibili (1)                                                                                                
Aggiornato all'anno : 2017Fonte : www.TheFlintstones.it
LINK COLLEGATI
  Visita la scheda della vetta over 3000
NOTE

- L'itinerario richiede un buon allenamento fisico
- Fontanile: Estoul
- Bar/ristoro: Rifugio Arp (verificare i periodi di apertura contattando il gestore)
- Bastoni trekking utili e consigliati

INFORMAZIONI GENERALI SULL'ITINERARIO

Il Corno Vitello (3057 mt.) pur essendo la cima più alta tra i monti circostanti l’Alpe Palasina, come altre cime della zona, soffre della vicinanza del Monte Rosa che catalizza l’attenzione dei numerosi escursionisti che frequentano la Val d’Ayas. L'ascensione è escursionistica e non presenta difficoltà, salvo l'ultimo tratto in cui la progressione richiede un po’ di attenzione ed esperienza in quanto avviene su pietraia.

GALLERIA FOTOGRAFICA