TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

RIFUGIO OSPIZIO SOTTILE
"Nicolao Sottile"
2.480 m.s.l.m. - Riva Valdobbia - VC


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questo rifugio

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:

Zona: Alpi Occidentali - Alpi Pennine

Gruppo: Monte Rosa

Regione: Piemonte

Ubicazione: Colle Valdobbia

Comune: Riva Valdobbia

Navigazione Satellitare:

Wgs: 45.788442 Lat. - 7.865804 Lon.

Gps: 45°47'18''N - 7°51'56''E

  Localizza il rifugio sul Geonavigatore VDA
Valutazione media degli utenti
Gestore: 4/5
Cucina: 5/5
Confort camere: 0/5
Posizione/vista/ambiente: 2/5
Servizi offerti: 4/5
Valutazione complessiva: 4/5

→2h30 Da Gressoney-St –Jean 1385 mt.
→3h da S.Antonio 1381 mt.

Premessa: Il rifugio sottile è raggiungibile sia dalla Valle d'Aosta che dal Piemonte.
(Noi indicheremo solo l'accesso dalla Valle d'Aosta).

Seguire l'autostrada A5 fino a Pont Saint Martin. Dall'uscita autostradale, svoltare a destra sulla Strada Statale 26 fino alla rotatoria. Da qui seguire le indicazioni per la Strada Regionale 44 della valle di Gressoney. Dopo aver risalito quasi tutta la Valle del Lys, si raggiunge Gressoney Saint Jean (1.385 mt.). Poco prima dell'abitato, sulla destra in località Verdebio (valdobbia), parte il sentiero per il Rifugio Ospizio Sottile (2.480 mt.) che è raggiungibile in circa 2h30' minuti di cammino.

Il percorso è escursionistico ed ha un dislivello di 1095 metri ed è una tappa della Grande Traversata delle Alpi (GTA).

- Itinerario non percorribile in Mountain Bike
- Itinerario percorribile con cani al seguito

Proprietario: Comune di Riva Valdobbia,
P.zza IV Novembre, 7 - 13020 Riva Valdobbia (VC)
Tel (+39) 0163.91022

Telefono: (+39) 348.6011550

Fax: Nessuno

E-mail: rifugiosottile@gmail.com

Sito web: www.rifugiosottile.wordpress.com
Scambio link con TheFlintstones.it: non attivo

Social network: Rifugio Sottile su Facebook  

Periodo apertura: Da Giugno a Settembre - Apertura inverno/primavera: NO
clicca qui per maggiori info sulle date di apertura

Tipo: (E) - Escursionistico

Adatto ai cardiopatici: Non adatto (vedi info)

Camere: 4

Posti letto: 25

Posti letto (locale invernale): 0

Pagamento con carte di credito: NO

Bagni con doccia: SI (a pagamento)

Connessione Wi-Fi: NO

Bar-Ristoro: SI - Gradita prenotazione
Servizio di Ristorante con Cucina Tipica

Telefono emergenza: SI (Punto di chiamata Soccorso Alpino)

Annotazioni: Il rifugio dispone di locale biblioteca e locale lavanderia. Due i servizi comuni con acqua calda corrente, due docce e illuminazione elettrica.

Ingresso con cani: I cani possono entrare in rifugio ma non nelle camere.

Nome: Martina Domaine e Marco

Telefono: (+39) 340.4197074 Martina - (+39) 339.5655277 (Marco)

Il Rifugio: Estate 2011: Un'apprezzamento particolare del nostro STAFF va ai gestori del Rifugio Ospizio Sottile per la peculiarità adottata nell'opera di ristrutturazione dell'edificio. Lodevole è altresi la cucina che offre piatti genuini e preparati con cura dai gestori stessi, valorizzando lo spitito di montagna e la ricerca degli antichi sapori (Il pane fatto in casa, gli agrodolci da accompagnare al formaggio stagionato nella cantina sottostante la struttura, la polenta macinata dal mulino e cotta sulla stufa e la grappa con le erbe di montagna). Staff theflintstones.it

Il Colle di Valdobbia:Riva Valdobbia era una tappa d’obbligo per gli emigranti che andavano all’estero e ne rientravano percorrendo la Grande Strada d'Aosta, l'antica Via Regia, importantissima arteria che metteva in comunicazione le terre del Ducato di Milano, del quale la Valsesia fece parte fino al 1707, con la Valle d'Aosta, la Francia e la Svizzera La strada risaliva la Valgrande fino a Riva Valdobbia, percorreva la Val Vogna ed il Vallone di Valdobbia, attraversava il Colle per scendere a Gressoney-St. Jean. Da qui valicava i colli della Ranzola e di Joux, e ad Aosta si divideva, per dirigersi verso il Grande o il Piccolo S. Bernardo. Questo itinerario era frequentato da mercanti, ma soprattutto dagli emigranti stagionali, che si portavano sui luoghi di lavoro a marzo e tornavano in patria tra novembre e dicembre. L'inclemenza del clima in quei mesi e le valanghe causarono moltissime vittime.

Nel 1787 Gian Giuseppe Liscotz di Gressoney e il capitano Giovanni Giuseppe Gianoli di Riva fecero costruire sul Colle Valdobbia una stalla e una cappella, ricoveri risultati col tempo inadeguati per l’intenso passaggio nei due sensi degli emigranti. Una disgrazia avvenuta nel 1820 indusse Nicolao Sottile alla costruzione a sue spese, dell’Ospizio che venne ultimato nel 1823. Sorse così presso il Colle, il primo Ospizio, il più alto delle Alpi. Dopo di allora il transito dei viandanti fluì sicuro. Il canonico provvide a mantenerlo aperto nel periodo invernale dal 1822 al 1831, fino a quando lo cedette al Comune di Riva Valdobbia. Per 23 anni, dal 1833 al 1856, Giacomo Clerino, ex soldato napoleonico, esercitò lassù il duro compito di custode. L’ospizio ospitó anche Principi e Regnanti. Nel 1871 l'ospizio acquistò maggiore importanza con l'istituzione dell'Osservatorio meteo­rologico del Colle di Valdobbia, il primo in Piemonte. Nel 2002 il rifugio è stato riaperto, completamente ristrutturato.

Nicolao Sottile: Canonico nativo di Rossa in Val Sermenza e figlio di emigranti, conosceva bene la situazione del colle di Valdobbia, valico spesso infausto a causa di molteplici valanghe. Una disgrazia avvenuta nel 1820 lo indusse alla costruzione a sue spese, dell’Ospizio che venne ultimato nel 1823. Sorse così presso il Colle, il primo Ospizio, il più alto delle Alpi. Dopo di allora il transito dei viandanti fluì sicuro. Il canonico provvide a mantenerlo aperto nel periodo invernale dal 1822 al 1831, fino a quando lo cedette al Comune di Riva Valdobbia. Per 23 anni, dal 1833 al 1856, Giacomo Clerino, ex soldato napoleonico, esercitò lassù il duro compito di custode.

Escursioni

- Lago Nero (2.672 mt.)
- Lago Bianco (2.332 mt.)
- Lago Balma (2.302 mt.)
- Lago Plaida (2.468 mt.)

Traversate

- Gressoney St. Jean - Riva Valdobbia

Ascensioni

- Corno Bianco (3.320 mt.)
- Punta Ciampono (3.233 mt.)
- Cresta Rossa (2.985 mt.)
- Corno di Valdobbia (2.755 mt.)
- Punta Plaida (2.689 mt.)
- Punta Carestia o Corno Rosso (2.979 mt.)

DIARIO DELLE ESCURSIONI

DIARIO DELLE ESCURSIONI: RIFUGIO OSPIZIO SOTTILE
(scheda tecnica con la relazione dell'itinerario)


LE NOSTRE VISITE AL RIFUGIO
Estate 2011
ESCURSIONISMO - Venerdi 19 Agosto 2011