TheFlintstones.it - Valle d'Aosta

IL DIARIO DELLE ESCURSIONI

VAI A 

Collegamenti veloci al Diario delle Escursioni


Io ci sono stato  

Commenti e valutazioni su questa recensione

Seleziona uno dei seguenti link per visualizzare o inserire i feedback:


CODICESETTORE
334C1
REGIONE
VALLE D'AOSTA
SCHEDA TECNICA DEL DIARIO:
GRAND ASSALY
(VIA NORMALE DAL RIFUGIO DEFFEYES)
   altre denominazioni:
  Pointe du Petit o Arsalé



LUOGO PARTENZA A VALLECATEGORIADIFFICOLTA'ACCESSOTIPOLOGIA
La Thuile (loc. La Joux)ALPINISMO      
ADATTO AI BAMBINIACCESSO CON CANI AL SEGUITO
NONO
DURATASEGNAVIA
4h30’/5h dal Rif. DeffeyesRadi ometti in pietra
CLASSIFICAZIONEDISLIVELLO PARZIALEDISLIVELLO TOTALE
(PD) - Poco Difficile680 metri1580 metri
TABELLA DI DETTAGLIO DEL DISLIVELLO

La Joux - Rifugio Deffeyes: + 900 mt.
Rifugio Deffeyes - Grand Assaly: 680 mt.
Totale: +1580 mt.

DESCRIZIONE ITINERARIO

Premessa:
Per attraversare il torrente glaciale e raggiungere il ghiacciaio che sale al Colle dell’Assaly ci sono tre possibili soluzioni:


1) Percorrere il ponte tibetano sull'emissario del Lago Marginale (questa soluzione non sempre è possibile - Verificare l’agibilità contattando il gestore del rifugio Deffeyes).
2) Scendere a lato del lago Inferiore (passando accanto alla cappella di st. Margherita e St. grato) per un centinaio di metri, aggirare in senso antiorario il sottostante Lago del Rutor o Lago dei Seracchi (ponte in legno sul suo emissario) e risalire la bastionata di rocce lisce a destra del torrente immissario del lago (sinistra idrografica) che porta all’uscita del ponte tibetano di cui sopra.
3) Effettuare un guado sull’immissario del Lago Marginal.

Difficoltà e considerazioni
Il ponte tibetano sembrerebbe la soluzione ottimale tra le tre a disposizioni ma va detto che: la distanza dei cavi aumenta al centro dell’attraversamento creando problemi con longe corte; l’arrivo sulla sponda opposta è in salita e non è agevole, il cavo traballa abbastanza e sotto scorrono impetuose le acque del torrente che convergono in una cascata. Verrebbe da prendere in seria considerazione di perdere quei 100 mt. per optare per un bel ponte in lego ma va detto che risalire su tracce di sentiero (bolli e ometti quasi assenti) le placche lisce con detriti infidi a fianco del suddetto impetuoso torrente non è cosa banale, specialmente in discesa !! Detto ciò la “soluzione” che apparentemente è quella peggiore si rivela forse quella più efficace in quanto in guado se fatto a un centinaio di metri a monte del tibetano non comporta grossi problemi (conviene togliere gli scarponi e rimboccare i gambali godendo della frescure delle gelide acque di ghiacciaio).

Itinerario:
Dal Rifugio Deffeyes (2494 mt.) portarsi sulla morena oltre il torrente Rutor che scende dall’omonimo ghiacciaio, dividendo in due l’intera comba (vedere premessa). Risalire la pietraia in direzione della piccola conca glaciale sulla cui sommità si trova il Colle d'Assaly, senza un percorso obbligatorio, puntando verso lo stretto colletto tra i due promontori rocciosi molto evidenti. Risalire il ghiacciaio tenendosi preferibilmente al centro (tenendosi pertanto lontani da eventuali scariche di pietre provenienti dalla parete dell´Assaly, alla propria destra) fino all’ evidente Colle de l'Assaly (3002 mt.) che segna il confine con la Francia e che divide la Punta Loydon (a sinistra) da quella del Grand Assaly (a destra). Dal colle proseguire a destra verso la cresta sud, seguendo gli ometti e la traccia di sentiero sul versante italiano. Dopo un breve tratto di roccette si incontra quasi subito il tratto chiave: 10-15 metri di arrampicata in diagonale verso sinistra, abbastanza esposta ma su buona roccia. Al termine di questo passaggio impegnativo proseguire per tracce di sentiero, alternate a brevi facili passaggi di arrampicata (ometti), fino all’ aguzza ed aerea vetta del Grand Assaly (3174 mt.), caratterizzata dalla presenza di una croce metallica. Dal Colle de l'Assaly è inoltre possibile, in breve tempo, salire la Punta Loydon (3145 mt.).

Discesa: La discesa si percorre sul medesimo itinerario della salita. Qualora si optasse per attraversare il torrente sul ponte, anziché tornare al rifugio, è possibile scendere a La Joux nel seguente modo: Attraversare il ponte e svoltare a destra (ignorando a sinistra il sentiero per i laghi di Balla Comba), fino a raggiungere un bivio con la palina segnavia. Seguire il sentiero in parte esposto e attrezzato con corde fisse (EE) e raggiungere un secondo bivio, ove occorre svoltare a sinistra, fino all’innesto con il sentiero per i laghi di Bella Comba. Proseguire verso destra fino all’innesto con il sentiero delle cascate. Proseguire a sinistra fino a La Joux (alla terza cascata è anche possibile seguire il sentiero del Centocinquantenario).

Difficoltà: Gita non tanto lunga in termini di dislivello ma sicuramente impegnativa. Le difficoltà di attraversamento del torrente sono già state evidenziate nella premessa. L’accesso al ghiacciaio avviene su pietraia abbastanza stabile anche se un po ripida nella parte alta. Il ghiacciaio non presenta particolari difficoltà. La placca esposta poco oltre il Colle de l'Assaly si supera con passaggi di arrampicata con difficoltà II°+ su buona roccia ben appigliata, al cui termine si trova un anello di fettuccia per un eventuale doppia o calata. Oltre questo tratto più impegnativo, la salita è tutta su ampia cresta, mai verticale o troppo esposta, su roccioni sovrapposti di pietra compatta. Qualche ometto indica la via, mai obbligata e sempre logica.

Versione WEB stampabile     Versione stampabile in PDF     Richiedi info
Cartina Stampabile in PDF    
  Visualizza il punto di partenza di questo itinerario sul Geonavigatore VDA                        
  Scarica le tracce GPS disponibili (1)                                                                                                
Aggiornato all'anno : 2016Fonte : www.TheFlintstones.it
LINK COLLEGATI
  Visita la scheda della vetta over 3000
NOTE

- L'itinerario richiede un buon allenamento fisico
- Fontanile: Rifugio deffeyes
- Acqua: di fusione o di torrente
- Bar/Ristoro: Rifugio Deffeyes (verificare i periodi di apertura contattando il gestore)
- Bastoni trekking utili solo parzialmente
- Attrezzatura: Casco, imbrago, corda, piccozza e ramponi

INFORMAZIONI GENERALI SULL'ITINERARIO

Montagna molto panoramica sul ghiacciaio del Rutor, sulle cime e sui laghi circostanti. Dal punto di vista alpinistico, della varietà di ambienti e progressione è di gran lunga la più interessante gita della zona, anche se molto meno frequentata rispetto alla più classica ascesa alla Testa del Rutor. Gita che si può agevolmente spezzare in due: Il primo giorno (escursionistico su sentiero molto battuto) si sale da La Thuile al rifugio Deffeyes, potendo anche ammirare le 3 bellissime cascate de Rutor e i laghi del Rutor. Il secondo giorno (alpinistico su vaga traccia con: morena, ghiacciaio e roccette fino in cima) si sale dal Rifugio Deffeyes alla vetta del Grand Assaly con la possibilità, una volta scesi al Colle de l'Assaly di salire anche sulla più semplice, ma non meno panoramica, Punta Loydon.

Ecco l'itinerario di salita (in rosso):

GALLERIA FOTOGRAFICA